lunedì 22 Luglio 2019
Presidente, nel dibattito che si è incentrato in questi giorni sull’emergenza rifiuti di Roma lei è intervenuto subito e con decisione, perché? Le sembra strano che il presidente della Camera di Commercio intervenga su un argomento del genere? A me no. La questione che si sta dibattendo in questi giorni, a mio modo di vedere, è assai più complessa della ricezione dei rifiuti per aiutare Roma e uscire dall’emergenza. Nessuno pensa che si tratti di una questione semplice. Lei a cosa si riferisce? Ci sono vari aspetti che questa emergenza ha messo a nudo che non possono non preoccuparci. Non mi nascondo dietro un dito, le dico subito che il sacrificio che le province sono state chiamate a compiere dal presidente della Regione, e sottolineo che di un sacrificio si tratta, è indispensabile in questo momento. Questo per il mutuo soccorso che, come molti hanno già detto, non si può negare a una...
Le cronache narrano di un periodo oscuro nella corte imperiale poiché lo Zar Nicola, suo malgrado e con indolenza, era costretto a far fronte a ebollizioni tra i notabili, i quali tendevano a fare squadra per ottenere poteri e privilegi or così or colà. La faccenda doveva essere diventata seccante assai se è vero, come raccontano, che sua maestà era dovuto ricorrere all'usurato stratagemma di far filtrare, attraverso gazzette amiche, false notizie circa la sua imminente abdicazione al fine di poter tornare a Palazzo d'Inferno in seguito e con una nuova corte. Il malumore del sovrano era, come spesso accadeva in quegli ultimi tempi, anche acuito da una circostanza sempre più frequente: M, colui che altrimenti non poteva più essere definito, continuava a fare la bella vita or presso quella corte or presso quell'altra. Lo faceva di continuo e senza dare sue notizie, tanto che per sapere dove si fosse...
Dal Presidente della Camera di Commercio, Marcello Pigliacelli, che ringrazio per l'attenzione, ricevo e pubblico una lettera al direttore: "Egregio Direttore, La sua analisi sul decennio che volge al termine credo offra alcuni spunti di riflessione e, al contempo, l’aver colto elementi di novità nella mia conduzione dell’associazione mi lusinga. Di questo la ringrazio. Mi consenta però di sottolineare un concetto che mi pare non sia stato colto con precisione nella sua analisi: il fortunato sono io, perché per dirla con le efficaci parole di un noto musicista, mi sono imbattuto in una “generazione di fenomeni”  che ha consentito di costruire quella visione alla quale Lei fa riferimento nel suo articolo. Una circostanza che ancora oggi mi permette di provare lo stesso entusiasmo di quando, non un decennio fa ma ben prima, nel 1996, la Marcegaglia divenne presidente nazionale dei Giovani Imprenditori di Confindustria. Io ero poco più che trentenne e...
Duemiladiciannove, consuntivo di un decennio difficilissimo. E’ stato quello della crisi internazionale, della scia infinita nazionale in cui la nostra provincia, per molto tempo, ha sofferto più degli altri soprattutto per il declino di uno dei settori trainanti: quello edilizio. Dieci anni  che, nonostante le enormi difficoltà, ci consegnano un territorio che ha saputo darsi una nuova classe dirigente capace di prendere in mano la situazione e tracciare una rotta. Cosa per niente scontata. Una delle prove (non certo l’unica) di tale vitalità, è per esempio la capacità di visione e di condivisione del presidente di Unindustria, Giovanni Turriziani, che ha messo a disposizione dei principali stakeholder territoriali la concretezza di un progetto di sviluppo: la prima vera traduzione progettuale di un’idea antica e quanto mai attuale: la città intercomunale. Sarebbe però ingiusto, o per lo meno parziale, attribuire a una sola personalità la potenzialità di immaginare una crescita, soprattutto...
In queste cose non si può mai dire gatto se non ce l’hai nel sacco ma che Gianfranco Battisti, cioè Ferrovie dello Stato, abbia messo insieme un quadro salvifico per la compagnia aerea di bandiera, cioè Alitalia, si può dire. E’ di poco fa, infatti, la notizia che la cordata per la Newco è pronta: una compagnia formata dal gruppo delle Ferrovie dello Stato, dal ministero dell'Economia e delle Finanze, dalla compagnia statunitense Delta Airnlines e, questa è la notizia dell’ultimora (tutto sempre da vedere nero su bianco) Atlantia, il gruppo della famiglia Benetton che detiene anche Autostrade per l'Italia.  La decisione sull’ultimo tassello è spettata al Consiglio di Amministrazione di Fs, impegnato oggi nell'esame delle proposte. Insomma è il ciociaro di Fiuggi Gianfranco Battisti, AD di Ferrovie dello Stato, da un anno impegnato in questa difficilissima impresa, a poter mettere la firma principale su un’operazione che sa di...
Il centrodestra frusinate spara ancora sulla Saf, la società che gestisce il ciclo dei rifiuti. Spari dalla maggioranza politica del Comune di Frosinone. Dopo il recente attacco del sindaco, Nicola Ottaviani, si registra quello del presidente del consiglio comunale, Adriano Piacentini, con una nota dal titolo inequivocabile: "Migliorelli, A. A. A. Cercasi rifiuti". Questi, Migliorelli, come abbiamoi visto ha diramato un suo comunicato nel quale ricorda che la Saf non fa affari. Così Piacentini: "Credo che Migliorelli possa dire di aver conseguito un risultato unico nella storia delle imprese pubbliche trasformando la Saf in una azienda che potrebbe eventualmente fare invidia alla peggiore mentalità dell'Ilva di Taranto. Quando, infatti, alcuni anni fa, i comuni della provincia di Frosinone decisero di chiudere il ciclo dei rifiuti in modo virtuoso, consorziandosi per arrivare al pareggio dei costi, mai avrebbero pensato di portare avanti solo la logica del profitto con i rifiuti provenienti da...
Nicola Ottaviani, sindaco di Frosinone, dopo un breve periodo di rallentamento, torna al suo consueto attivismo condito con determinazione. La politica del capoluogo, tutta, è in ebollizione. La sinistra, per opera soprattutto di Fabrizio Cristofari, Alessandra Sardellitti (Pd) negli ultimi tempi e dei socialisti, ha rilanciato l’unico argomento  che abbia disegnato una visione di sviluppo del territorio: il Grande Frusinate di Giovanni Turriziani, il presidente di Unindustria. L’amministrazione Ottaviani ha risposto a strettissimo giro nei fatti e ha approvato in Giunta. Ora ci sono tutti i passaggi del caso da affrontare ma intoppi politici non dovrebbero più esserci. Adesso spetta agli altri comuni affrontare l’argomento: solo Supino, ha votato sì alla realizzazione della città intercomunale e Alatri ha manifestato buone intenzioni ma ancora non ha concretizzato alcun atto. Che faranno, per esempio, Ferentino e Veroli? Il sindaco Pompeo, investito doppiamente perché anche Presidente della Provincia, non ha più toccato...
Il segretario provinciale del Psi di Frosinone, Vincenzo Iacovissi, è stato eletto vice segretario nazionale del partito. Un grande riconoscimento per un giovane che ha sempre dimostrato grandi capacità e impegno. Soprattutto che ha studiato e continua a farlo. Il Psi è ormai un piccolo partito ma è composto, in ogni sua realtà, da gente con alto livello di preparazione, cosicché non si creda facile eccellere e assurgere ai massimi livelli. Dev’essere tenuto in stretta considerazione, nel novero delle personalità politiche del Frusinate questo esponente in continua ascesa che non ha mai misurato il suo impegno col metro dell’affermazione personale ma ha imparato, invece (ed è il segreto del suo successo) la natura profonda della responsabilità di chi è chiamato a guidare gli altri: l’interesse collettivo a migliorare e la concezione del miglioramento solo in quanto collettivo. Complimenti a Iacovissi che mi pregio di stimare da anni. Con una lettera ha ringraziato...
Il Pd della provincia di Frosinone ha riunito ieri la sua direzione perché aveva un problema: doveva esprimere ufficialmente la sua posizione in merito all’arrivo dei rifiuti da Roma dopo l’ordinanza del presidente della Regione Zingaretti che è anche il segretario nazionale del partito che li ha inviati per ripulire la Capitale ormai avviata allo sfacelo senza un intervento risolutivo. La riunione di direzione, partecipata come non si vedeva da tempo, in realtà non ha fornito lo scontro che si prevedeva. Essa è terminata con un documento che richiama alla solidarietà verso i romani a rischio epidemia perché immersi nella mota (e all’ordinanza di Zingaretti, com’era ovvio) ma anche che questa è l’ultima volta che le province ripuliscono Roma, perché la Regione deve approvare al più presto un piano rifiuti e la Capitale deve avere il suo ciclo autonomo. Altri, se si vuole, i punti d’interesse della riunione: essenzialmente quattro. Il primo:...
Il consigliere comunale ed esponente del Pd, Fabrizio Cristifari, ha immediatamente risposto al rilancio del segretario provinciale dei socialisti, Vincenzo Iacovissi, sulla necessità di progredire nel processo di formazione della città intercomunale con dentro Frosinone. Lo hanno fatto perché la faccenda dei rifiuti che bruciano e poi dei rifiuti che viaggiano verso la Ciociaria da Roma sono un altro argomento molto forte per il progetto di superare il nanismo di Frosinone. Che si chiami Grande Frosinone, come diceva Cristofari, Città Intercomunale, Grande Capoluogo, Grande Frusinate e chi più ne ha più ne metta, non è importante. L'importante è che si faccia. Sono decenni che se ne parla, addirittura un giovanissimo Ottaviani alle prime armi da consigliere comunale vaticinò di una Lepinia da realizzare al più presto. A mettere molto seriamente nero su bianco, a commissionare un progetto e a coinvolgere con convegni e riunioni tutti gli stakeholders per realizzare...

ULTIMI ARTICOLI

Le interviste – Marcello Pigliacelli su emergenza rifiuti

Presidente, nel dibattito che si è incentrato in questi giorni sull’emergenza rifiuti di Roma lei è intervenuto subito e con decisione, perché? Le sembra strano...