venerdì 3 Luglio 2020
L'Assemblea della Saf ha approvato tutto, compresa la conferma del presidente Migliorelli e del Cda, alla maniera bulgara. Sarà la suggestione delle luci da night che stanno nella sala grande del cinema Le Fornaci, sarà l'ingessatura dovuta alle lontananze e alle imbardature dettate da Covy, ma sembrava di stare nel Soviet Supremo. Nessun vero contenzioso, nessuna battaglia, tutto liscissimo. Solo la messa in discussione della linea portata dal sindaco di Frosinone Ottaviani e il dissenso del sindaco di Aquino, Mazzaroppi. Per il resto mani alzate all'unisono. Un successone per il presidente Lucio Migliorelli e per i due membri del Cda, Marco Di Torrice e Daniela Mancinelli (lui di Ferentino, lei di Pontecorvo. Le provenienze parlano). L'accordo tra Pd e Forza Italia è stato palese ed era noto. Quello che ha potuto sorprendere alcuni è stata l'assonanza di Fratelli d'Italia e anche l'astensione dei sindaci leghisti (Ottaviani non ha partecipato...
Le voci sospirano che domani potrebbe essere, con alte probabilità, il giorno della caduta del governo del sindaco Piero Sementilli a Ripi. La sfiducia, a sentire quelle malelingue, sarebbe ormai cosa fatta. Avranno ragione? Sarà la verità? Non resta che attendere per sapere se l'ameno centro a due passi da Frosinone si trasformerà di nuovo nella ben nota, infuocata, arena elettorale. Ah, le voci dicono anche che l'ex sindaco, Roberto Zeppieri, starebbe affilando le armi da qualche tempo e che nelle ultime ore avrebbe addirittura incrementato l'attività. Sarà vero? Mah!
Corre voce che nel Pd provinciale soffi di nuovo (ma si è placato mai?) un vento di maestrale e che le vele dell'unità siano destinate per l'ennesima volta ad essere ammainate. Il casus belli odierno sta a Pontecorvo (ce ne sono altri) dove, pare, sembra, si dice, due esponenti del Pd, tali Santamaria e Narducci, avrebbero già siglato e sigillato un accordo con il sindaco uscente Anselmo Rotondo (storico e convintissimo esponente di Forza Italia) in barba al partito che, come da prassi e volere del nazionale, vuole celebrare le primarie di centrosinistra e vedrà la contesa della candidatura tra Gabriele Tanzi e la Annalisa Paliotta. La vicenda non avrebbe interesse ulteriore (se non per i pontecorvesi ovviamente) se i Santamaria e Narducci non fossero quel Massimo Santamaria, già presidente del Consiglio comunale in era Notaro e che ebbe un'ottima affermazione elettorale e quel Gianluca Narducci grande elettore dell'attuale presidente...
"Una provincia unita è una provincia che vince". La conclusione dell'intervento del presidente della Provincia di Frosinone, Antonio Pompeo, nella circostanza dell'inaugurazione dell'Alta Velocità, ha un significato che va ben oltre quello immediato perché ha l'ambizione di saltare gli sciocchi steccati del pregiudizio e del campanile. E', in pratica, una sfida anche ardua. Delle parole unità, unione, uniti ecc. si abusa nel tempo del Covid ma in quel momento, in quel posto ci volevano proprio. Pompeo ha sottolineato il ruolo e ha valorizzato un principio che troppo spesso in provincia di Frosinone viene sottovalutato: il territorio è un sistema e al giorno d'oggi è in competizione con altri territori-sistema. La competizione per lo sviluppo è tra grandi aree urbane o tra sistemi di compartecipazione tra esse. Non può e non deve essere interna. Il Presidente della Provincia questo lo sa bene perché ha avuto e ha ancora il gravoso compito...
Quel treno lo ha accarezzato sul muso, dolcemente. Lo ha coccolato facendo bene attenzione a non andare contropelo. Gli ha anche sussurrato qualcosa guardandolo fisso nei fari. Lo Zar ama i Frecciarossa, si vede, ne va pazzo! E' da capire. Il Frecciarossa che ferma e parte da Frosinone (e Cassino) è oggettivamente una grande conquista. Trattasi di un collegamento diretto col mondo e, viceversa, del riconoscimento dell'esistenza di questa terra da parte del resto del mondo (meglio sarebbe stato con il grande Capoluogo che i politici non hanno voluto fare, colpevolmente). La politica ha avuto il gran merito (non succede spesso) di saper cogliere l'occasione dell'ascesa al trono delle Ferrovie di Gianfranco Battisti, un fiuggino, dunque, un ciociaro e anche un cittadino del Lazio (purtroppo non si può dire "laziale" perché i tifosi della Lazio che si dovrebbero chiamare "lazisti" si sono appropriati abusivamente della parola). Senza Battisti, sia chiaro...
di Francesco Chiucchiurlotto Presidente Conte Ho maturato 33 anni di esperienza amministrativa ininterrotta, tra Sindaco, Assessore, Consigliere Comunale, Presidente di Consorzio, Presidente di Associazioni varie, Segretario, Consulente ecc. ecc. (ammazza!) ed è per questo che una certa deformazione, chiamiamola professionale, mi porta a dare giudizi, ritengo circostanziati e documentati, ma tranchant in automatico, sulle ipotesi di riforma che la politica ad ogni piè sospinto ci propone. Vale a dire che ho individuato un sistema di valutazione a prescindere, un benchmark semplice semplice per valutare la bontà di un piano, come quello che nella stupenda Villa Pamphilj il Premier Conte, Vittorio Colao, il governo, vertici statuali, altissimi burocrati nazionali ecc., stanno discutendo. Mi riferisco alla conoscenza, al ruolo, alle potenzialità delle aree interne e montane del nostro paese; mi riferisco alla capacità di leggere l’Italia con lo sforzo necessario, l’umiltà doverosa, l’immaginazione idonea, per capire che la svolta di elaborazione, contenuto ed intervento è...
"Non è poi così inimmaginabile avere lavoro a Milano e vivere ad Arce". Questa frase è rivoluzionaria. L'ha scritta l'assessore alle Nuove Tecnologie di Arce, Dario Di Palma. In effetti già che Arce, un centro di neanche seimila abitanti, abbia compiuto la scelta di avere un assessorato alle Nuove Tecnologie un po' lo è. Complimenti al sindaco Germani. L'ha scritta l'assessore nella nota che plaude all'arrivo del primo treno superveloce. Domenica prossima, infatti, con provenienza da Milano Centrale, farà tappa prima a Frosinone e poi nella stazione di Cassino per proseguire in direzione Napoli. "L'Assessore alla Nuove tecnologie, Dario Di Palma - si legge nel comunicato - è intervenuto per sottolineare, al di la del dibattito politico provinciale che in questi giorni ha tenuto banco, l'importanza strategica dell'avvenimento. «Abbiamo di fronte - ha detto Di Palma - un'opportunità straordinaria e irripetibile per il nostro territorio: la Tav in provincia di Frosinone significa...
Nelle sue piene mani il futuro del Pd frusinate, a richiesta del circolo, e soprattutto quello delle elezioni comunali prossime venture nel capoluogo. Fin qui quasi tutto scontato, lo avevamo già scritto qualche giorno fa (ecco il precedente) , ma le voci dei soliti pettegoli da Palazzo sussurrano ben altro. La notizia, ovviamente in attesa delle solite conferme, sarebbe che Francesco De Angelis, anche noto come Frank BigFox, avrebbe immediatamente avvertito i suoi sodali riuniti nel Direttivo che, per vincere le prossime elezioni di Frosinone occorre una grande coalizione, aperta alle civiche, a tutte le sensibilità possibili e quindi anche a quelle non di sinistra o vicine al centrosinistra. Visto che vincere, questa volta, sarebbe l'imperativo categorico, non c'è da meravigliarsi. Del resto lo stesso Domenico Marzi, specie per la sua seconda elezione, ottenne il sostegno (anche se segreto) di frange del centrodestra. In questo caso, sempre volando nella...
Le frontiere della comunicazione sono ormai infinite (quelle del giornalismo anche, ma devono essere cosa diversa dalla comunicazione). Pura e ben fatta comunicazione, dunque, quella di Marino Fardelli che ospita sul suo profilo facebook, grazie ai potentissimi mezzi del social, interessanti confronti tra personalità della politica (con rare eccezioni). Ieri sera davvero interessante quello tra il sottosegretario allo Sviluppo Economico, Gian Paolo Manzella, il presidente dell'Asi e commissario del superconsorzio industriale del Lazio Francesco De Angelis, l'imprenditore Francesco Borgomeo e la comparsata al momento giusto del sindaco di Roccasecca Giuseppe Sacco. I maggiori conoscitori della situazione capiranno immediatamente che non si tratta di nomi tirati giù a caso e che questa puntata di "dopocenasocial" (così Fardelli ha chiamato la serie di confronti che organizza su FB) è stata studiata meticolosamente. Fardelli, infatti, ha confezionato un confronto perfetto tra personalità che si facevano piacere a vicenda e la puntata doveva arrivare...
Probabilmente mai vorrebbe più queste rotture di scatole ma, se le voci dal Palazzo saranno confermate, il padre nobile del Pd ciociaro Francesco De Angelis cercherà la prossima settimana di risistemare le cose all'interno del circolo Pd frusinate. Qui, infatti, pare, sembra, si dice, le cose vanno malissimo. La spaccatura specialmente tra le donne sembra insanabile. L'ultima riunione virtuale alla quale ha partecipato la consigliera comunale e provinciale Alessandra Sardellitti è andata malissimo e, stando ai sussurri dei pettegoli, menomale che era virtuale altrimenti finiva a sediate. Allora la materia del contendere era la partecipazione o meno alla riunione del Consiglio comunale. Il dictat del circolo era di non partecipare e ancora oggi il boicottaggio delle sedute resta un assioma dell'offensiva dell'opposizione, ma alcuni consiglieri (a parte la Sardellitti) soffrono in segreto questa situazione. Insomma pare che debba intervenire BigFox per tentare di sistemare le cose. In genere ci...

ULTIMI ARTICOLI

SAF – Unità spaventosa. Migliorelli e Cda sugli scudi. Solo la...

L'Assemblea della Saf ha approvato tutto, compresa la conferma del presidente Migliorelli e del Cda, alla maniera bulgara. Sarà la suggestione delle luci da...