martedì 31 Marzo 2020
Christian Rocca, uno degli editorialisti che preferisco, direttore di “IL” una delle pubblicazioni che preferisco, è l’autore di uno dei fondi più belli che abbia letto negli ultimi anni, appunto sull’ultimo numero di “Idee e Lifestyle”. Mi sarebbe piaciuto che Rocca fosse stato questa mattina nel teatro Vittoria, a Roma, dove il lancio della campagna congressuale di Rossi si è trasformato, con gli eventi delle ultime settimane, in uno degli appuntamenti politici che resteranno in un modo o nell’altro nella storia del nostro Paese. Enrico Rossi, Roberto Speranza e Michele Emiliano, cioè la sinistra Dem, hanno condito con discorsi semplici ma terribilmente efficaci quel che con ogni probabilità sarà il punto di non ritorno, la scissione dal Pd o il suo mutamento. E mi sarebbe piaciuto che Rocca fosse stato tra quel popolo di scontenti del loro partito perché avrebbe intercettato nei commenti la smania del ritorno a “l’era...
Come dicevo in un articolo del 10 giugno intitolato “Pallone? Va oltre”, il marchio del segretario regionale di Area Popolare non si vedeva nella partita delle amministrative della scorsa primavera. Eravamo pronti a scommettere, dicevamo, che si sarebbe visto eccome “tra qualche mese”. Eccoci. Pallone aveva promesso al segretario nazionale Alfano che nella partita referendaria si sarebbe inserito attivamente in provincia di Frosinone e, nell’occasione, avrebbe messo in campo i “magnifici cento”, anche in vista di un’altra gara imminente, quella delle elezioni Provinciali. Detto e fatto. Il segretario Alfano è stato invitato ieri a Fiuggi per partecipare a un convegno organizzato da Area Popolare della provincia di Frosinone sulle ragioni del “Sì”, ha trovato una sala di trecento posti stracolma (finiti anche i posti in piedi), e nelle sue mani aveva una lista di quasi cento amministratori pubblici, tra sindaci, assessori e consiglieri comunali, molti dei quali presenti. Saranno...
Abbiamo assistito nelle ultime ore a una coda cruenta di una campagna elettorale dai toni spesso inaccettabili. Vero è che l’agone elettorale induce a una passione potente e di norma certe passioni sono difficilmente controllabili. L’alto significato del suffragio, però, se proprio lo si vuole rivalutare agli occhi di un popolo ridotto ormai alla miscredenza politica, deve comportare controllo e rigore soprattutto nella classe che si propone per essere guida, governo. Valga per tutti il vecchio adagio per il quale la politica si fa col sentimento e non col risentimento. Inoltre, aggiungo io, si fa coi fatti e non con i misfatti. Le elezioni, dunque, devono avere un significato positivo, comunque vadano a finire, perché il loro scopo è l'interesse della cittadinanza. Deve aprirsi ora una fase propositiva, una luna di miele, non di fiele. A Cassino, la principale delle città della provincia di Frosinone chiamata al rinnovo, l’esito è...
Pofi, grazioso paesino del Frusinate si trova improvvisamente catapultato in primo piano nelle cronache locali. Il suo sindaco Thomas il Moro, è candidato alla presidenza della Provincia e i socialisti hanno scelto proprio un’amena locazione nel suo agro per mettere a segno, dopo anni, una convention di tutti i suoi eletti. Qui i socialisti, forti di una platea niente affatto trascurabile, hanno ospitato l’avversario di Thomas, il Bellantonio Whitehair. Thomas non deve aver preso bene l’invasione degli avversari i quali, con libertà di vedute, avevano segnato il percorso sino alla location della riunione con dei vessilli di colore rosso e recanti il simbolo del partito per instradare i partecipanti. Fatto sta che quelle bandiere, per ordine della "Guardia municipale", sono state fatte togliere. E pensare che il confronto tra i contendenti il massimo scranno di Palazzo Iacobucci era iniziato all’insegna del fair play visto che il Bellantonio, sovvertendo le...
Grandi manovre nel governo di Frosinone. A quanto si apprende nubi sempre più dense si accalcherebbero sulla carica di vice sindaco di Fabio Tagliaferri, rimasto senza copertura politica dopo le divergenze con il Polo Civico di Gianfranco Pizzutelli e recentemente sceso in aperta polemica col sindaco Ottaviani. La richiesta di sostituzione del vice sindaco è arrivata ufficialmente dal medesimo e nutrito gruppo Polo Civico ma, per le male lingue, anche in questa dinamica ci sarebbe stata la "manina" di Ottaviani. Vero o no non si sono registrate difese da parte del sindaco per salvare il suo vice dalla fronda interna alla maggioranza. Per questo motivo, sempre secondo voci di corridoio ancora bisognose di conferma, Tagliaferri sarebbe stato a colloquio con la capessa di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni. Le indiscrezioni descrivono un quadro secondo il quale Tagliaferri avrebbe anche tentato, ma senza successo, di procurare consensi interni alla maggioranza per...
Problemi per la candidatura del Pd a Cassino. La scelta di Giuseppe Golini Petrarcone senza passare prima dalla fase programmatica con le altre forze che dovrebbero costituire un centrosinistra unito a quanto pare non è stata una buona idea. Poco fa dalla riunione di quelle forze con il segretario Fardelli sarebbe uscita una fumata nerissima. Socialisti, Articolo Uno e altre realtà locali non avrebbero accettato i giochi fatti e avrebbero rimandato al mittente la proposta prospettata da Marino Fardelli (Petrarcone sindaco, Grieco vice e anche altre scelte già fatte). Se si fa il paio con la spaccatura già in atto con Mosillo che ha tirato fuori dal cilindro la candidatura Salera contro quella di Petrarcone, spaccando di fatto proprio il fronte dell'ex sindaco, la sensazione è che la candidatura del centrosinistra sia, in realtà, in alto mare contrariamente a quanto annunciato due giorni fa.
Il segretario provinciale del Psi di Frosinone, Vincenzo Iacovissi, è stato eletto vice segretario nazionale del partito. Un grande riconoscimento per un giovane che ha sempre dimostrato grandi capacità e impegno. Soprattutto che ha studiato e continua a farlo. Il Psi è ormai un piccolo partito ma è composto, in ogni sua realtà, da gente con alto livello di preparazione, cosicché non si creda facile eccellere e assurgere ai massimi livelli. Dev’essere tenuto in stretta considerazione, nel novero delle personalità politiche del Frusinate questo esponente in continua ascesa che non ha mai misurato il suo impegno col metro dell’affermazione personale ma ha imparato, invece (ed è il segreto del suo successo) la natura profonda della responsabilità di chi è chiamato a guidare gli altri: l’interesse collettivo a migliorare e la concezione del miglioramento solo in quanto collettivo. Complimenti a Iacovissi che mi pregio di stimare da anni. Con una lettera ha ringraziato...
Salute - “La resistenza agli antibiotici è uno dei più importanti problemi emergenti di sanità pubblica. Sin dalla loro scoperta, ormai circa 100 anni fa, gli antibiotici hanno salvato la vita a milioni di persone. Purtroppo però l’utilizzo continuo e a volte eccessivo di antibiotici ha fatto sì che i batteri siano diventati resistenti ai farmaci che, in alcuni casi, hanno cominciato a perdere efficacia. A tale proposito, con l’arrivo della stagione invernale, voglio rivolgere un appello affinché non si solleciti il proprio medico di famiglia per avere la prescrizione antibiotica, mentre è assolutamente consigliato fare il vaccino antinfluenzale”. Lo dichiara l’Assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato in occasione della Settimana mondiale per l’uso consapevole degli antibiotici. “L’Italia purtroppo detiene un triste primato: secondo le ultime stime dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS) rappresenta infatti un terzo dei 33 mila decessi causati in UE dall’antibiotico resistenza e il...
Il Milleproroghe tributa un miliardo di euro per i Comuni in difficoltà. Lo ha detto poco fa la portavoce dei Pentastellati, l'Onorevole Enrica Segneri perché l'emendamento alla super legge è stato loro, dei Cinquestelle. Che significa? Che si liberano risorse bloccate dal famigerato pareggio di bilancio e che tanti Comuni possono salvarsi dalla sfiga del dissesto? Pare di sì. E allora, per esempio, una grande boccata d'ossigeno può averla il Comune di Frosinone che deve fare i conti della serva tutti i giorni da quando è arrivato lo Zar e che ha visto negli ultimi mesi incrementare i suoi problemi per la caduta sulla capoccia, anzi tra i nobili capo e collo del Gran Ciambellano Riccardo una sfilza di conti da pagare provenienti dalle oscurità del passato. Significa anche, però, nel caso di Cassino, che Carletto Maria, tralasciando per un attimo la sua proverbiale educazione, possa guadagnarsi l'inferno inanellando...
Tutto bene al vertice di Forza Italia a ranghi allargati tranne, pare, un alterco che si sarebbe innescato tra lo Zar e Ciacciarelli. A fare imbufalire Ottaviani sarebbe stato l'attacco di Ciacciarelli allo Zar per la sua presenza sul palco del Condottiero Salvini a Littoria. Dunque nessun problema, tutto bene, tranne che lo Zar a un certo punto ha abbandonato il tavolo tra tutte le furie e se ne è andato inseguito da Super Mario che lo ha raggiunto per tentare di rimettere a posto le cose. Cosa si siano detti nessuno lo sa. Tranne, forse, che v tutto bene.