lunedì 15 Luglio 2024
Christian Rocca, uno degli editorialisti che preferisco, direttore di “IL” una delle pubblicazioni che preferisco, è l’autore di uno dei fondi più belli che abbia letto negli ultimi anni, appunto sull’ultimo numero di “Idee e Lifestyle”. Mi sarebbe piaciuto che Rocca fosse stato questa mattina nel teatro Vittoria, a Roma, dove il lancio della campagna congressuale di Rossi si è trasformato, con gli eventi delle ultime settimane, in uno degli appuntamenti politici che resteranno in un modo o nell’altro nella storia del nostro Paese. Enrico Rossi, Roberto Speranza e Michele Emiliano, cioè la sinistra Dem, hanno condito con discorsi semplici ma terribilmente efficaci quel che con ogni probabilità sarà il punto di non ritorno, la scissione dal Pd o il suo mutamento. E mi sarebbe piaciuto che Rocca fosse stato tra quel popolo di scontenti del loro partito perché avrebbe intercettato nei commenti la smania del ritorno a “l’era...
Come dicevo in un articolo del 10 giugno intitolato “Pallone? Va oltre”, il marchio del segretario regionale di Area Popolare non si vedeva nella partita delle amministrative della scorsa primavera. Eravamo pronti a scommettere, dicevamo, che si sarebbe visto eccome “tra qualche mese”. Eccoci. Pallone aveva promesso al segretario nazionale Alfano che nella partita referendaria si sarebbe inserito attivamente in provincia di Frosinone e, nell’occasione, avrebbe messo in campo i “magnifici cento”, anche in vista di un’altra gara imminente, quella delle elezioni Provinciali. Detto e fatto. Il segretario Alfano è stato invitato ieri a Fiuggi per partecipare a un convegno organizzato da Area Popolare della provincia di Frosinone sulle ragioni del “Sì”, ha trovato una sala di trecento posti stracolma (finiti anche i posti in piedi), e nelle sue mani aveva una lista di quasi cento amministratori pubblici, tra sindaci, assessori e consiglieri comunali, molti dei quali presenti. Saranno...
I cinquant’anni dello Zar Nicola segnano sul calendario del capoluogo una data storica. Il 21 luglio, da oggi in poi, sarà il giorno dei festeggiamenti pubblici del compleanno dei Sindaci di Frosinone. Proprio come accade in Inghilterra dai tempi di re Giorgio II, il sovrano festeggia ufficialmente il 9 giugno, così nel capoluogo ciociaro sarà il 21 luglio il giorno delle celebrazioni. La decisione, in un primo momento, aveva galvanizzato il Gran Ciambellano Riccardo, il quale già vagheggiando su qualcosa che assomigliasse alla parata del Trooping the Colour, aveva buttato giù un programmino che prevedesse un parallelo con la grande tradizione britannica: lo spazio deputato ai festeggiamenti in grande stile sarebbe stato ricavato nel piazzale antistante il Parco Matusa, proprio come Horse Guard Parade è collocato a ridosso di St. James’s Park, e alla fine della manifestazione una formazione acrobatica elicotteristica allestita dal 72esimo Stormo avrebbe sorvolato lo spazio...
Lo Zar Nicola è in fase di riflessione e d’incazzatura. L’impegno nella rifondazione del centrodestra, che esiste e non esiste allo stesso tempo a seconda dei livelli amministrativi e delle opportunità, è oltremodo faticoso.  Così il sovrano si vede sempre meno in giro, si limita alle occasioni ufficiali nelle quali da’ la sensazione di operare per dovere, di prammatica. I recentissimi risultati elettorali di Forza Italia nei domini dell'estremo Nord, tendenti sempre più al PLI, lo mettono di cattivo umore con grande scorno del Gran Ciambellano Mastrangeli che deve rinunciare, sempre più spesso, ai suoi appuntamenti mondani nella capitali del mondo. Ciò per ricorrere a tutta la sua antica sapienza ed evitare che la corte del “Palazzo d’Inferno”  si dia alla gazzarra sfrenata. Come se non bastasse i servizi segreti dell’impero avrebbero rivelato che Big Bean (nome in codice Mimmo), con smodata avidità, si sarebbe messo a fare incetta...
Finisce un anno di svolta, come nel celeberrimo ’48, per alcuni nel bene per altri nel male è successo un ’18. Un anno che non potrà che essere ricordato come rivoluzionario poiché ha determinato la fine di un sistema politico durato, in varie forme, per quasi ottant’anni. Dopo che i governi nati per cambiare la legge elettorale e che invece hanno cercato di cambiare di tutto tra che quella, governi e governanti che praticamente sono rimasti “sotto” quell’incompiuta, è difficile attendersi che ciò accada per mano di coloro che invece ne sono stati favoriti. Il “proporzionale sostanziale”, insomma, durerà ancora e un cambiamento certamente è in corso perché è assai improbabile che il quadro dei partiti attualmente conosciuti resterà tale da qui a pochissimo, specialmente nel centrosinistra. Comunque sia quest’anno finisce ed è tempo di bilanci. A dispetto di quel che è accaduto a livello nazionale la politica delle nostre...
Non c'è che dire, la fiducia regna sovrana nel Pd che vuole ripartire e rinnovarsi. Tanto che la mozione Martina, uno dei tre candidati alle primarie per la segreteria nazionale del partito, ha chiesto al segretario regionale del partito e ai presidenti delle Commissioni per il Congresso per le primarie nelle Province di Roma e Frosinone, che siano nominati per i seggi i presidenti di garanzia scelti tra i componenti delle commissioni "che assicurino - si legge ancora da Adn Kronos - piena regolarità nello svolgimento del voto. il contesto che si registra in quei territori - si legge ancora - e il precedente dei congressi di circolo ci ha portati ad assumere preventivamente questa iniziativa". Lo ha dichiarato Andrea De Maria, rappresentante della Mozione Martina  nella Commissione nazionale per il Congresso. "Siamo certi - si legge ancora - di trovare ascolto in tutte le mozioni congressuali. Crediamo sia...
Duemiladiciannove, consuntivo di un decennio difficilissimo. E’ stato quello della crisi internazionale, della scia infinita nazionale in cui la nostra provincia, per molto tempo, ha sofferto più degli altri soprattutto per il declino di uno dei settori trainanti: quello edilizio. Dieci anni  che, nonostante le enormi difficoltà, ci consegnano un territorio che ha saputo darsi una nuova classe dirigente capace di prendere in mano la situazione e tracciare una rotta. Cosa per niente scontata. Una delle prove (non certo l’unica) di tale vitalità, è per esempio la capacità di visione e di condivisione del presidente di Unindustria, Giovanni Turriziani, che ha messo a disposizione dei principali stakeholder territoriali la concretezza di un progetto di sviluppo: la prima vera traduzione progettuale di un’idea antica e quanto mai attuale: la città intercomunale. Sarebbe però ingiusto, o per lo meno parziale, attribuire a una sola personalità la potenzialità di immaginare una crescita, soprattutto...
Un appello all'amministrazione provinciale è stato diramato dal Circolo PD di Frosinone. Chiedono di fare chiarezza circa le voci di scambio di sede tra il Liceo Scientifico Severi e l'istituto Brunelleschi-Da Vinci. Ora non ci sarebbe niente di strano in questo appello (diciamo poco di strano) se alla guida della Provincia non ci fosse un esponente del PD (Antonio Pompeo) e la delega all'edilizia scolastica non l'avesse una esponente del PD come Alessandra Sardellitti tra l'altro Consigliere comunale di Frosinone e iscritta al Pd nel medesimo Circolo che a lei, di fatto, si appella. Come si leggerà nella nota del Circolo che di seguito pubblico il tono dell'appello è critico poiché tende a mettere in risalto quella che appare, secondo quanto sostengono i colleghi di partito della Sardellitti, una confusione generata da notizie non confermate nei fatti e in un periodo critico dovuto alle iscrizioni. O meglio, notizie non...
Da qualche tempo sembrava in rallentamento la corsa all'adesione alla Lega in provincia di Frosinone, anche a causa del fatto che entrarci è diventato difficilissimo. Non sono stati pochi i casi di defezione prima dell'iscrizione. Oggi si registra, invece, l'ingresso nella Lega del sindaco di Casalvieri, Franco Moscone. Lo dichiara egli stesso con una nota nella quale scandisce la sua soddisfazione dopo un colloquio con l'On. Francesco Zicchieri dal quale è uscito, a quanto pare, con una convinzione netta. Moscone ha descritto a Zicchieri i problemi della Valle di Comino. Zicchieri, racconta Moscone, ha manifestato la sua soddisfazione per l'ingresso del sindaco. Ingresso molto interessante poiché il sindaco e segretario del Cosilam è sempre stato un fedelissimo di Mario Abbruzzese e non ci risulta che abbia mai avuto a che ridire con Supermario. Giacché nelle grazie di Zic ci sarebbe da oggi un altro Alfiere dell'ex presidente del consiglio...
Il vice segretario socialista Vincenzo Iacovissi ha diramato una lunga nota per spiegare le sue ragioni del "no" al referendum popolare sul taglio dei parlamentari. Ragioni serie che il giovane vice segretario nazionale ha maturato profondamente. Iacovissi, non ho dubbi, sarebbe stato tra i pochissimi a votare "no" se fosse stato un parlamentare. Si sarebbe opposto, anche se all'epoca quel voto sarebbe stato molto impopolare. Per queste ragioni (al termine di questa breve riflessione pubblicherò tutto il comunicato di Iacovissi) mi sento di dire che Iacovissi è uno dei pochi rappresentanti politici di livello a non doversi vergognare del suo diniego nell'urna elettorale. Quando si votò in parlamento il taglio dei parlamentari fu votato da una maggioranza bulgara, mi pare che alla Camera i "no" furono appena 14 e 2 gli astenuti. E' difficile non pensare che le rappresentanze parlamentari non fossero anche lo specchio dei loro partiti di appartenenza...

ULTIMI ARTICOLI

Cronache dall’Impero – Quando M impose il limite dei 30 che...

M sugli scudi. L’incessante, sferzante e per certi versi impattante capo dell’Impero ebbe in quei giorni momenti interessanti e almeno un attimo di gloria. Incurante...