martedì 31 Marzo 2020
Roma - Lo hanno detto chiaro e tondo i leader di Articolo Uno e i rappresentanti del Pd presenti al seminario nella Sala Isma, in piazza Capranica: i tempi richiedono un soggetto politico a sinistra capace di cimentarsi con il mutare delle istanze e delle sensibilità, di contrastare  la nuova destra e, al contempo, di rispondere alla necessità di socialismo senza nostalgie novecentesche. Presto per dire a cosa si riferiscano con precisione ma che qualcosa si stia muovendo tra i fuoriusciti del Pd ai tempi della segreteria Renzi e una parte del Partito Democratico è ormai palese. L'occasione è stata il seminario promosso da  Articolo Uno sul tema “Stato, mercato e conversione ecologica”. La discussione è stata preceduta dalle relazioni di Simone Gasperin, ricercatore presso l’Institute for Innovation and Public Purpose dell’University College London (e lì allievo di Marianna Mazzucato), e di Andrea Bianchi, economista industriale. I lavori sono stati...
Alcuni organi di stampa della provincia di Frosinone discettano, quasi quotidianamente, delle evoluzioni e delle posizioni nel Partito Democratico locale. Una sorta di “diretta” dalle stanze dei bottoni dem dipinge l’attività di un partito dalle dinamiche febbrili, che lavora giorno e notte alle sorti congressuali, che sente tra le mani i destini di questo microcosmo. La verità è tutt’altra. I giochi congressuali del Pd, ammesso che interessi a qualcuno saperlo, sono fatti da tempo. Tutti sanno chi sarà il prossimo segretario. E' giovane e il cognome fa venire in mente Siena (Piazza e Palio). Non si deve però commettere l’errore di pensare che la situazione sia statica. Molto più interessante del dibattito congressuale inventato è l’evoluzione che, necessariamente, dopo gli stravolgimenti dell’ultima scissione e i riposizionamenti vari, alcuni protagonisti devono infliggere alla propria azione. Per esempio quella della parte del Pd che circola intorno al presidente della Provincia Antonio Pompeo,...
Da oltre un anno e sempre più spesso da quando Zingaretti è diventato il segretario nazionale del Pd, si sente dire di un centrosinistra inclusivo e allargato, del superamento delle divisioni anche all'interno del partito, di una nuova visione che favorisca la partecipazione. Nella pratica non si è vista questa capacità di unire e, men che meno, si può trovare nell'arena della sola competizione elettorale in campo in provincia di Frosinone: le Comunali di Ceccano. Qui non solo il frazionismo a sinistra sembra una legge invalicabile ma non si sono registrati neanche tentativi, da parte del Pd, di seguire i dettami del segretario politico Zinga. A sorprenderci, oggi, una voce assolutamente fuori dal coro di tutti coloro che, più o meno allegramente, si sono già detti candidati a sindaco di questa o quella frazione del centrosinistra: quella del coordinatore provinciale di Articolo Uno, Gaetano Ambrosiano. Questi osa rivolgersi alle...
Si è consumata in poche ore, dopo un periodo di travagliato allontanamento, una vicenda politica piccola piccola, una questione interna a un partito di provincia, ma di rara intensità e valenza emblematica. La sintesi: il consigliere comunale di Frosinone Daniele Riggi, giovane promessa del Psi locale, dopo lunga riflessione ha deciso di autosospendersi dalla carica di consigliere per due mesi e poi, al rientro, di lasciare il gruppo del Psi e il partito stesso. E’ in disaccordo con il partito, lo ha spiegato con una lunga nota, e ha deciso di lasciarlo. Il partito, allora, ha chiesto a Riggi di dimettersi anche da consigliere comunale. Il tutto si è giocato lungo la sequenza di una dolorosa corrispondenza, dai toni anche duri, tra Riggi e il segretario del Psi di Frosinone Gerardina Morelli.Quest’ultima, abbandonando qualsiasi tono ufficiale, nell’ultima lettera si rivolge con tono paternalistico direttamente al giovane consigliere, lo accusa di essersi...
La precisazione arriva immediata dal segretario del Circolo Pd di Frosinone Andrea Palladino:  "Nessun attacco mascherato alla consigliera Alessandra Sardellitti". Stiamo parlando dell'articolo precedente (se vuoi leggerlo clicca qui) dove si narra dell'appello del circolo di Frosinone alla Provincia per chiarire che le sedi del Severi e del Brunelleschi non saranno scambiate. "La richiesta alla Sardellitti - specifica Palladino - di chiarire sulle sedi degli istituti scolastici in apertura del periodo di iscrizione è un appello vero. Gli appelli informali - continua Palladio - li facciamo da tempo ma non hanno avuto esito. Siccome effettivamente siamo da domani (oggi, ndr) nel periodo in cui i ragazzi devono scegliere la scuola è opportuno che ci sia chiarezza sulle sedi degli istituti scolastici, tutto qui".
Un appello all'amministrazione provinciale è stato diramato dal Circolo PD di Frosinone. Chiedono di fare chiarezza circa le voci di scambio di sede tra il Liceo Scientifico Severi e l'istituto Brunelleschi-Da Vinci. Ora non ci sarebbe niente di strano in questo appello (diciamo poco di strano) se alla guida della Provincia non ci fosse un esponente del PD (Antonio Pompeo) e la delega all'edilizia scolastica non l'avesse una esponente del PD come Alessandra Sardellitti tra l'altro Consigliere comunale di Frosinone e iscritta al Pd nel medesimo Circolo che a lei, di fatto, si appella. Come si leggerà nella nota del Circolo che di seguito pubblico il tono dell'appello è critico poiché tende a mettere in risalto quella che appare, secondo quanto sostengono i colleghi di partito della Sardellitti, una confusione generata da notizie non confermate nei fatti e in un periodo critico dovuto alle iscrizioni. O meglio, notizie non...
Lo Zar Nicola Ottaviani ha rotto gli indugi (è un modo di dire, non ne ha mai avuti). Da qualche tempo ha innescato alla sua azione politica un marcia in più, tanto da apparire addirittura frettoloso in alcuni frangenti e in determinate iniziative. E' che per qualche motivo ha necessità di agire velocemente (non frettolosamente) e sta ammassando le truppe ai confini con intenti offensivi. L'ATTACCO FRONTALE DELLO ZAR Ieri, intorno alle 18, dal suo quariier generale, è partito un dispaccio che ha il sapore della dichiarazione di guerra. Il casus belli è la polemica sulla bonifica della Valle del Sacco, cioè l'argomento numero uno per il territorio della provincia di Frosinone. I soldi sono stati stanziati, la "mossa" della prima pietra è stata fatta da Zingaretti e un ministro qualche mese fa, che si aspetta a iniziare? Parte l'attacco frontale ai parlamentari e ai consiglieri regionali locali da parte di...
Questa mattina, per il 93esimo anniversario della fondazione della Provincia di Frosinone, si è tenuta una celebrazione nel Salone di Palazzo Jacobucci con il convegno “La Provincia di Frosinone 1926/2019 - Storia e prospettive future”, al quale ha partecipato il Sottosegretario Achille Variati al quale il presidente Antonio Pompeo, padrone di casa, ha sempre riconosciuto gran merito per il prosieguo della vita delle Province. Si tratta di una personalità di particolare rilevanza per la storia degli Enti Locali in quanto, tra l’altro, è stato presidente di provincia nazionale nel periodo più tormentato cioè quello dell’avvio della trasformazione e poi anche presidente dell’Unione delle Province Italiane. Si tratta, insomma, di una personalità che ha piena coscienza dell’importanza di questi enti e che ha “militato” contro il loro svuotamento. Variati, dunque, ha anticipato alcune iniziative normative che, se approvate, dovranno ridare alle province ma anche ai comuni un sostegno costantemente mancato negli ultimi...
La battaglia politica per le Comunali di Ceccano si ammanta di pathos. In campo ci sono già il Sindaco cacciato, Roberto Caligiore e il cacciatore, l’ex presidente del Consiglio Marco Corsi. Una bella sfida all’ultima bastonata tra capo e collo che potrebbe anche favorire l’ipotetico terzo “goditore” quello di un centrosinistra non ancora ben definito in tutte le due derive divisive, offensive e… vive intendendo quelli che se ne sono andati o se ne stanno andando con Italia Viva (Conti era presente alla prima riunione, per dire). Una battaglia, insomma, che ha tutte le carte in regola per restare nel gozzo del senatore Ruspandini, il quale plenipotenziario e maggiorente del centrodestra fabraterno vede sfuggire da tutte le parti i rivoli di quella che fu un’unione vincente contro la tradizione rossa e rischia di trovarsi sul groppone il peso di una sconfitta che nessuno, sia in Ciociaria, sia a Roma,...
Salute - “La resistenza agli antibiotici è uno dei più importanti problemi emergenti di sanità pubblica. Sin dalla loro scoperta, ormai circa 100 anni fa, gli antibiotici hanno salvato la vita a milioni di persone. Purtroppo però l’utilizzo continuo e a volte eccessivo di antibiotici ha fatto sì che i batteri siano diventati resistenti ai farmaci che, in alcuni casi, hanno cominciato a perdere efficacia. A tale proposito, con l’arrivo della stagione invernale, voglio rivolgere un appello affinché non si solleciti il proprio medico di famiglia per avere la prescrizione antibiotica, mentre è assolutamente consigliato fare il vaccino antinfluenzale”. Lo dichiara l’Assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato in occasione della Settimana mondiale per l’uso consapevole degli antibiotici. “L’Italia purtroppo detiene un triste primato: secondo le ultime stime dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS) rappresenta infatti un terzo dei 33 mila decessi causati in UE dall’antibiotico resistenza e il...