Qualche giorno fa è apparso su Rai Uno in una trasmissione di punta: ben cinque minuti d’intervista in diretta da Fiuggi, da sfondo le terme. Si parlava, nell’intervista, del termalismo in generale ma ovviamente le istanze che D’Amico ha propugnato hanno avuto come protagonista la città idropinica ciociara.

Ieri il presidente di Confimprese Italia è tornato ad esternare la sua soddisfazione per l’intenzione della maggioranza di governo di estendere l’ecobonus anche agli alberghi. “Lo avevamo chiesto qualche giorno fa – sostiene il presidente D’Amico – e l’intenzione contenuta in un emendamento al Decreto Rilancio ci fa, ovviamente, molto piacere. Questo consentirà il riammodernamento dell’intero parco alberghiero italiano che è tra i più vetusti d’Europa ovvero di poter sfruttare un’occasione importante per far ripartire un settore letteralmente messo in ginocchio dalla recente pandemia”.

Ora il presidente di Confimprese si augura che il governo accolta anche l’altra loro richiesta, quella relativa all’impiego di ulteriori risorse a fondo perduto da destinare alla filiera del turismo, nelle sue varie sfaccettature, che rappresenta un settore cardine dell’economia del Paese (soprattutto di Fiuggi).