Il Frosinone è retrocesso in serie B. Il suo obiettivo, l’unico che possano avere le piccole cioè di restare nella massima serie, è stato lontanissimo sin dall’inizio del campionato. Non sono d’accordo con coloro che dicono (quasi tutti) che quel che è accaduto oggi era scritto sin dall’inizio del campionato. I più esperti e fissati dei numeri non tarderanno a ribadire che i punti ottenuti fuori casa dal Frosinone erano in linea con un trend da salvezza. A mancare sono stati i punti in casa. Un paradosso. E’ su questo dato, secondo me, che bisogna ragionare. Quel che era il grande punto di forza del Frosinone, la fortezza, il dodicesimo in campo, è divenuto il tallone d’Achille dei Leoni. Dei 24 punti fino ad ora ottenuti 16 sono stati totalizzati fuori casa e 8 allo “Stirpe”. Oltre al danno della retrocessione, insomma, il pubblico amico ha subito anche la beffa di aver visto vincere i suoi beniamini una sola volta ma soprattutto è venuta a mancare quella decina di punti che oggi avrebbero permesso al Frosinone di lottare per restare nella massima serie. E quella decina di punti non era impossibile racimolarla. Basta fare mente locale, su come sono andate certe partite. Questo però è un lavoro che non mi appassiona e che lascio tranquillamente ai colleghi specializzati.

Detto ciò confesso di non essere poi così triste per l’accaduto. Non mi dispiace tantissimo di tornare a militare il prossimo anno nella serie cadetta, quella che se sei forte ti riporta nella massima. Per le squadre come il Frosinone, infatti, il massimo che può accadere ragionevolmente è militare nella massima serie. Anzi, neanche troppo ragionevolmente: la serie A è il massimo dei massimi e solo pochissime squadre sono riuscite a ottenere un simile risultato. Al Frosinone è già successo due volte. Personalmente ho gioito e visto gioire moltissimo quando il Frosinone è stato promosso in B (due volte) e per niente quanto c’è rimasta. Ho gioito e visto gioire all’inverosimile quando il Frosinone è stato promosso in serie A. Più di questo non credo si possa ottenere e allora non mi giudicate pazzo se la retrocessione non mi dispiace poi tantissimo: da tifosi del Frosinone ci si diverte molto di più a inseguire il massimo nel tentativo di ottenerlo di nuovo. Certo, anche restare nella massima serie sarebbe stata una grande soddisfazione, ma vuoi mettere con quello che si prova a vincere un campionato? Forza Frosinone!