Anche la centrale unica dell’Ares 118 va a Latina. Se ne discusse a lungo qualche tempo fa, levate di scudi, proteste, poi le rassicurazioni: non vi preoccupate, va a Latina solo un comparto amministrativo, i problemi di gestione delle emergenze non ci saranno. Ecco il risultato. Ennesimo centro direzionale che prende la strada del vero capoluogo del Lazio meridionale, Latina. Nonostante questo ennesimo segnale ci sono dei sindaci di questa provincia che ancora hanno dubbi sulla necessità di dotarsi di compiere passi veloci verso il “Grande Capoluogo”, cioè lo strumento che potrà arginare in qualche modo questa perpetua sconfitta, questo continui depauperamento e svuotamento della provincia di Frosinone. E’ evidente che il governo regionale non protegge il nostro territorio (anche per le recenti questioni ambientali se ne vedranno delle belle) e se non sarà il Frusinate a dotarsi di strumenti adeguati per reagire non ci saranno speranze di fermare il tracollo.