Roma – Lo hanno detto chiaro e tondo i leader di Articolo Uno e i rappresentanti del Pd presenti al seminario nella Sala Isma, in piazza Capranica: i tempi richiedono un soggetto politico a sinistra capace di cimentarsi con il mutare delle istanze e delle sensibilità, di contrastare  la nuova destra e, al contempo, di rispondere alla necessità di socialismo senza nostalgie novecentesche. Presto per dire a cosa si riferiscano con precisione ma che qualcosa si stia muovendo tra i fuoriusciti del Pd ai tempi della segreteria Renzi e una parte del Partito Democratico è ormai palese.

L’occasione è stata il seminario promosso da  Articolo Uno sul tema “Stato, mercato e conversione ecologica”. La discussione è stata preceduta dalle relazioni di Simone Gasperin, ricercatore presso l’Institute for Innovation and Public Purpose dell’University College London (e lì allievo di Marianna Mazzucato), e di Andrea Bianchi, economista industriale. I lavori sono stati introdotti da Alfredo D’Attorre e conclusi dal segretario nazionale del partito Roberto Speranza.

Tra gli altri, erano presenti Andrea Orlando, Vice segretario del Pd, Graziano Del Rio, Presidente del Gruppo Pd alla Camera, Giuseppe Provenzano, ministro per il Sud e la coesione territoriale, Vincenzo Colla, Vice segretario generale della Cgil e Maria Cecilia Guerra, sottosegretaria al Ministero dell’Economia e Finanze. Presenti, tra gli altri, anche Bersani e D’Alema.

Il seminario è il primo di un ciclo di appuntamenti promosso da Articolo Uno per promuovere un confronto politico-culturale più ravvicinato con il Pd e altre forze progressiste, con l’obiettivo di favorire nel corso dei prossimi mesi un processo di rinnovamento e riorganizzazione nel campo del centro-sinistra.