Stop alla raccolta rifiuti, il sindaco Ottaviani e Fratelli d’Italia all’attacco di Saf

Dopo l’intervento del sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani, questa mattina si è tenuta una conferenza stampa per affrontare il problema dei rifiuti che si è manifestato dopo la chiusura temporanea della Saf di Colfelice e che ha costretto i comuni aderenti alla sospensione della raccolta dell’indifferenziato tenuta da Fratelli d’Italia. Presenti, tra gli altri,  il senatore Massimo Ruspandini, il vicepresidente della Provincia di Frosinone Daniele Maura, il consigliere provinciale Stefania Furtivo e numerosi sindaci ed amministratori del partito.

Il vicepresidente della provincia di Frosinone, Daniele Maura va giù duro e mette in discussione l’operato dei vertici della Saf “che negli anni si sono alternati, e che hanno cagionato il corto circuito di oggi, nonostante la Provincia, dal 2003 ad oggi, abbia finanziato i progetti di ammodernamento dell’impianto con 18 milioni di euro”.

Il dito è stato puntato anche sulla Regione Lazio che non ha creato una rete impiantistica integrata che rendesse ogni provincia autosufficiente: “la provincia di Frosinone, nonostante un ciclo dei rifiuti chiuso, sta pagando ora lo scotto di aver accolto i rifiuti provenienti da Roma. Ma quella che i dirigenti di centrosinistra hanno paventato come una ‘manna’ per il bilancio Saf si è rivelato invece un boomerang per i comuni ciociari. Una situazione intollerabile che vogliamo evidenziare e sottolineare visto il silenzio assordante del governo della regione”.