venerdì 3 Luglio 2020
Il popolo mormorava, era diviso. La pestilenza, benché fino ad allora si fosse rivelata clemente con l’Impero, aveva comunque turbato l’animo di molti e continuava a farlo poiché il pericolo era ancora palpabile e i cerusici non rassicuravano punto. Lo Zar che di popolo s’intendeva eccome, sempre intento ad elucubrare spinte sulle quali basare il consenso al quale teneva moltissimo, si era convinto che il progresso, malgrado in tanti della corte lo sconsigliassero (temendo di perdere quel po’ di privilegio che la sorte aveva loro donato), era il miglior percorso da seguire. Egli aveva sempre avuto nella mente per l’Impero una grandeur che quella parigina gli spicciava casa. Così, proprio quando vedeva gli entusiasmi della plebe spegnarsi, seppur lentamente, per il suo favore tirò fuori l’asso nella manica che da tempo aveva preparato. Forte di appartenenze agli stessi ordini cavallereschi, seppur la vita aveva poi divaricato le strade, lo...
Qualche giorno fa è apparso su Rai Uno in una trasmissione di punta: ben cinque minuti d'intervista in diretta da Fiuggi, da sfondo le terme. Si parlava, nell'intervista, del termalismo in generale ma ovviamente le istanze che D'Amico ha propugnato hanno avuto come protagonista la città idropinica ciociara. Ieri il presidente di Confimprese Italia è tornato ad esternare la sua soddisfazione per l'intenzione della maggioranza di governo di estendere l'ecobonus anche agli alberghi. "Lo avevamo chiesto qualche giorno fa - sostiene il presidente D'Amico - e l'intenzione contenuta in un emendamento al Decreto Rilancio ci fa, ovviamente, molto piacere. Questo consentirà il riammodernamento dell’intero parco alberghiero italiano che è tra i più vetusti d’Europa ovvero di poter sfruttare un’occasione importante per far ripartire un settore letteralmente messo in ginocchio dalla recente pandemia". Ora il presidente di Confimprese si augura che il governo accolta anche l'altra loro richiesta, quella relativa all'impiego di...
Da qualche tempo sembrava in rallentamento la corsa all'adesione alla Lega in provincia di Frosinone, anche a causa del fatto che entrarci è diventato difficilissimo. Non sono stati pochi i casi di defezione prima dell'iscrizione. Oggi si registra, invece, l'ingresso nella Lega del sindaco di Casalvieri, Franco Moscone. Lo dichiara egli stesso con una nota nella quale scandisce la sua soddisfazione dopo un colloquio con l'On. Francesco Zicchieri dal quale è uscito, a quanto pare, con una convinzione netta. Moscone ha descritto a Zicchieri i problemi della Valle di Comino. Zicchieri, racconta Moscone, ha manifestato la sua soddisfazione per l'ingresso del sindaco. Ingresso molto interessante poiché il sindaco e segretario del Cosilam è sempre stato un fedelissimo di Mario Abbruzzese e non ci risulta che abbia mai avuto a che ridire con Supermario. Giacché nelle grazie di Zic ci sarebbe da oggi un altro Alfiere dell'ex presidente del consiglio...
Nel Lazio si può entrare tra meno di un'ora. Non si può entrare con la febbre però. Il presidente Zingaretti ha emanato un'ordinanza secondo la quale chiunque arrivi, aereo, treno, nave proveniente da fuori regione deve essere controllato con gli appositi dispositivi per misurare la temperatura. Devono occuparsene le compagnie, gli armatori. Certo viene subito da chiedersi: e quelli che viaggiano in auto? La domanda è retorica: non si può controllare tutti. La conseguenza è che non si può essere certi di niente, bisogna sperare bene, che Dio ce la mandi buona insomma. E infatti è più meno il tono della lettera che lo stesso Zingaretti ha scritto oggi in occasione della fine del lock.down ai cittadini: ha ringraziato tutti e ha detto che da domani aumenterà un po' il rischio. Quindi bisogna tenere alta la guardia (distanza, igiene, mascherine). Coclude: è dura ma che la faremo. Ecco, credo che...
Se anche il saggio Gian Franco Schietroma, già parlamentare e Sottosegretario di Stato, figlio di parlamentare e Ministro, nipote di parlamentare lo dice vuol dire che forse coloro (come il sottoscritto) che ritengono inutile e dannosa la polemica innescata da alcuni politici del sud della provincia sulla stazione dell'Alta Velocità, posso avere una qualche ragione. Schietroma è intervenuto nella vicenda perché, parole sue, teme che si faccia la fine dei capponi di Renzo, cioè a forza di alzare i toni della polemica si rischia di perdere l'intera posta. Una posta importante: due fermate Tav (Cassino e Frosinone) e una stazione Tav Ferentino-Supino. Trattasi, sottolinea Schietroma, di un'opportunità davvero notevole e il rischio di perderla, se si continua su questa china, è reale. Tanto più che si è letto e narrato nei giorni scorsi, in merito alla vicenda di che stiamo trattando, si riunioni presso il Cosilam, non solo, anche di cene e...
Lega attacca Lega sulla faccenda della stazione Tav, una grande opportunità che invece di unire le energie di un territorio per meglio mettere a frutto l’occasione vede i  politici del sud in ribellione. Addirittura si registra questa sera un commento al fulmicotone che il capogruppo della Lega nel Consiglio comunale di Frosinone, Mimmo Fagiolo, ha postato sulla bacheca del consigliere regionale leghista  Pasquale Ciacciarelli proprio sotto l’avviso di quest’ultimo che riguarda la firma della petizione per la stazione Tav a Roccasecca. Così ha scritto Ciacciarelli sulla sua pagina: “Anche io oggi ho sottoscritto la petizione del comitato Tav Lazio meridionale. Per la difesa del territorio non ci sono appartenenze politiche!” Così ha reagito Fagiolo: “Pasquale Ciacciarelli Vi preciso che la TAV è un treno ad alta velocità e non una metropolitana di superficie con tante fermate.... In relazione alla dichiarazione di firma apartitica.... Ahahahah salutami Mario e Abbruzzese”. E’...
Continua la battaglia! Noi non ci arrenderemo! Si è tenuta ieri una riunione presso il Cosilam per rilanciare il progetto della stazione Alta Velocità a Roccasecca. Questo nelle parole di politici che cercano di cavalcare una battaglia di territorio oppure siamo davvero al sud contro il resto della provincia di Frosinone? QUALCOSA E’ POCO CHIARO, ANALIZZIAMO LA COMUNICAZIONE DEL COSILAM Tutt’altro che guerra è scritto nel comunicato stampa diffuso dal Cosilam che testualmente propongo: “Si è riunito questa mattina il Tavolo Tecnico istituito presso il Cosilam relativamente al progetto della Fermata Tav nel Lazio meridionale, un tavolo che ha visto riuniti tutti i promotori oltre all’Amministrazione della Provincia di Frosinone e che dimostra il respiro provinciale del lavoro che si sta portando avanti. Nel corso della riunione sono stati ampiamente discussi e analizzati tutti i dettagli tecnici relativamente al progetto sul quale il team di enti pubblici e privati sta lavorando già da...
Volata finale per il super-consorzio di Francesco De Angelis. Pare, sembra, si dice, che entro il prossimo luglio le carte staranno a posto e in breve il consorzio industriale del Lazio che unirà quelli di tutta la regione potrà prendere il volo. Probabilmente, se questi sono i tempi, il via ufficiale potrebbe essere posizionato nel prossimo autunno. Com'è noto il commissario al quale è stato affidato l'ingrato (ma graditissimo) compito di mettere in funzione questo mega consorzio è affidato a Francesco De Angelis. Si tratta per l'uomo forte del Pd ciociaro di un ruolo di elevatissima responsabilità ma anche di grande potere. Nelle sue mani ci saranno tutte le aree industriali del Lazio... altro che assessorato!
"I monopattini sono roba da ricchi. I poveracci prendono la circolare". Questo il succo della nota diffusa dal senatore ceccanese di Fratelli d'Italia Massimo Ruspandini a commento del provvedimento governativo che concede contributi a chi acquista un mezzo a locomozione assistita elettricamente. Secondo il parlamentare di FdI il governo rosso-giallo continua a veleggiare lontano dal popolo del quale non ha idea delle reali esigenze. "Quelle risorse - chiosa - le utilizzino per rafforzare il trasporto pubblico".
Nicola Ottaviani, meglio noto su queste pagine come lo Zar, si diverte un mondo a bruciare i tempi e mai come quando si parla di Alta Velocità non dorme la notte per ordire sistemi per rimanere in tema. Solo pochi giorni dopo la notizia della fermata del treno veloce a Frosinone ha annunciato la nascita del Consorzio, appunto, Frosinone Alta Velocità, ieri ne ha diffuso il marchio. Sky-line inconfondibile di Frosinone con i "Piloni" in primo piano e una freccia che... sfreccia. Il tutto è giallo e azzurro anche se, lo ricordo per l'ennesima volta e come sempre inutilmente, quelli sono i colori della Provincia di Frosinone (e della squadra di calcio). I colori della città di Frosinone sono rosso e blu. CHE SARA' STO CONSORZIO? "Il Consorzio - spiega Ottaviani - metterà insieme imprese, categorie datoriali e dei lavoratori, associazioni, enti accademici e di alta formazione, universitaria ed artistica, ordini professionali, operatori...

ULTIMI ARTICOLI

SAF – Unità spaventosa. Migliorelli e Cda sugli scudi. Solo la...

L'Assemblea della Saf ha approvato tutto, compresa la conferma del presidente Migliorelli e del Cda, alla maniera bulgara. Sarà la suggestione delle luci da...